Animali di carta

Mi impegnerò in questi giorni a creare il tutorial del nuovo origami che vi avevo promesso. Stavolta ho scelto il cigno, rimango, quindi, nell’ambito dei volatili visto che il primissimo origami che ho imparato a fare era una gru!

In attesa di questo stupendo, bellissimo ed emozionate momento…..pazienza, pazienza, pazienza!! :D

Nimoe

Post nuovi prossimamente!

Lo so sono pessima….però chi non muore si rivede! Ed eccomi qui con le anticipazioni dei prossimi articoli:

  1. Video-origami: l’avevo promesso un po’ di tempo fa, ne avevo fatto uno e poi mi ero fermata;
  2. Recensioni: su Lo Hobbit – La desolazione di Smaug e una serie televisiva riscoperta da poco, Sherlock;
  3. Attore del momento: sceglierò un attore e ne parlerò diffusamente.

Se avete delle richieste, non so volete parlarmi di un’attore e un’attrice che vi piace, mi spedite una mail a questo indirizzo: nimoecollins@live.it spedendomi la vostra immagine preferita, poche righe sul perché vi piace e quali film avete apprezzato di più. Si può fare la stessa cosa per un film, stesse modalità: immagine e perché vi piace.

Per dare il via all’iniziativa inizierò, la prossima volta, parlando di uno dei miei attori preferiti: Tom Hanks.

Buona Domenica!! :-D

 

Nimoe

 

The Hunt for Gollum–La caccia a Gollum

the-hunt-for-gollum-locandina-1a

Da appassionata tolkieniana quale sono non potevo non guardare questo film.

“E’ un fan film mediometraggio basato sulle note in Appendice de Il Signore degli Anelli, romanzo di J.R.R. Tolkien.” da Wikipedia.

Trama –spoiler- (Wikipedia):

Il film narra le avventure di Aragorn alla ricerca della creatura chiamata Gollum, un tempo proprietario dell’Unico Anello.
Inizia nella locanda “Il Puledro Impennato” a Brea, dove Aragorn (Grampasso) attende Gandalf il Grigio (circa nel 3009). L’Istar (ossia Gandalf) convince il ramingo a dirigersi ad Est, tra le montagne, per catturare la creatura nota come Gollum. Aragorn prima di partire porta un saluto alla tomba del padre Arathorn II.
Nel viaggio Aragorn incontra un ramingo, un suo lontano parente di nome Arithir, che lo informa sulla situazione delle terre dell’Est e gli racconta di alcune voci riguardanti il rapimento di bambini in fasce, nonché di diversi furti di pesce fresco. Aragorn capisce di essere molto vicino a Gollum; poco dopo scopre che anche un gruppo di orchi è alla ricerca della creatura. Sulle rive di un fiume affronta e uccide due orchi, precedentemente allontanatisi dal gruppo con la scusa di ispezionare la zona, ma con il reale intento di uccidere e divorare un passante per saziarsi.
Aragorn, giunto tra le montagne, trova Gollum e dopo avergli teso una trappola lo imprigiona in un sacco. La creatura ormai prigioniera si dimena e giura di uccidere l’uomo una volta liberatosi. Nel viaggio di ritorno Aragorn si imbatte nel gruppo di orchi e nello scontro ha la meglio, ma cade a terra avvelenato da un dardo; si addormenta sotto l’effetto del veleno, mentre cerca di combatterlo pensando ad Arwen e al popolo di Gran Burrone. Al suo risveglio si accorge che Gollum è riuscito a liberarsi; si rimette in cerca e ritrova la creatura appollaiata su un albero. Chiede a Gollum di scendere ma questo lo avverte della presenza di un Nazgul. L’oscuro cavaliere e il ramingo si scontrano, ma prima che uno dei due possa avere la meglio, il Nazgul scappa per via dell’arrivo di un gruppo di elfi, i quali hanno nel frattempo catturato Gollum.
Così giunge salvo a Gran Burrone dove ad attenderlo c’è Gandalf che consiglia di portare Frodo al sicuro. Intanto il prigioniero Gollum brama vendetta e giura di riprendersi l’anello e di vendicarsi di colui che glielo ha sottratto.

L’ho appena finito di vedere e nonostante si noti la qualità del film, che non è altissima, devo dire che mi è piaciuto. Vi assicuro che sono particolarmente critica soprattutto quando si tratta di qualcosa che mi piace particolarmente, gli attori che interpretano Aragorn e Gandalf somigliano molto e Viggo Mortensen e ad Ian McKellen e infatti, nell’articolo di Wikipedia, si accenna al fatto che sono stati scelti proprio per quel motivo.
Adrian Webster è colui che ha interpretato il famoso ramingo della trilogia. Niente male, credo si sia calato nel personaggio alla perfezione, era davvero realistico.

Patrick O’Connor, in questa trasposizione, interpreta Gandalf. La sua recitazione non mi ha particolarmente colpito e insieme a lui il trucco e l’abbigliamento, si vedeva da lontanissimo che era tutto finto!

Christopher Dingli era Gollum. Non trovo niente da ridire sulla recitazione che, a parer mio, è stata buona, rispecchiava fedelmente il personaggio.
Gollum è presente in quasi tutto il film ma non lo si vede mai in faccia se non alla fine dove si nota la forte somiglianza con il Gollum di Andy Serkis.

Un’altro particolare che ho notato è che hanno usato molto la computer grafica, in certi punti mi sembrava si essere dentro ad un videogioco, ma penso che con il budget che avevano a disposizione sia stata una scelta più che legittima.

Nota negativa e che non dipende dal film è il doppiaggio: copre tutti i rumori di sottofondo.

Film da vedere, interessante perché approfondisce una storia che, nel libro, è affrontata marginalmente.

Nimoe